Articolo della Rubrica “Psiche era una donna”

Quante volte non prendiamo una decisione oppure la prendiamo all’ultimo momento, non potendo più rimandare?
Oppure scegliamo di impulso, senza riflettere, convinti che la decisione giusta sia quella dettata dall’istinto?

Spesso non si sceglie nella speranza che accada qualcosa che ci consenta di non dover più scegliere, oppure si delega agli altri la scelta, chiedendo consiglio su cosa fare e poi facendo cosa ci dicono.

Altrettanto spesso si stila un minuzioso elenco dei pro e dei contro, poi lo si guarda e lo si riguarda senza decidere, tanto il più è fatto… un po’ come fare l’elenco delle cose da fare, ci sentiamo più leggeri però nonostante l’elenco le cose rimangono comunque ancora da fare.

Un’altra tecnica usata frequentemente è l’ipotizzare tutti gli scenari futuri, pensando a cosa potrebbe capitare in un caso o nell’altro, però l’inghippo sta proprio in questo: è impossibile prevedere tutti gli scenari, un margine di errore ci sarà sempre e dobbiamo metterlo in conto.

Ogni scelta comporta infatti un’assunzione di responsabilità che ci mette inevitabilmente a confronto con le nostre paure più profonde, la paura di sbagliare, di essere puniti, di non essere accettati dagli altri o se la scelta non riguarda noi, anche la paura di provocare un danno ad altri.

Anche quando consultiamo gli altri e poi facciamo cosa ci dicono, corriamo il forte rischio di non assumerci la responsabilità, di guardarci dentro e di prendere una decisione che sia la “nostra”, capiti quel che capiti.

La paura di sbagliare, che causa ansia nella presa di decisione o decisioni impulsive, è sempre presente per cui proviamo a darci il giusto tempo per decidere, senza rimuginare, ma affrontando con consapevolezza e senza giudizio anche la possibilità di commettere degli errori.

Ricordandoci sempre che, una volta presa una decisione che sia veramente la “nostra” decisione, si sta meglio per il solo fatto di averla presa, sia che si riveli giusta, sia che si riveli sbagliata.


Emanuela

Condividi