La carta d’identità elettronica, ossia una sorta di tesserino in policarbonato, dotato di microchip, contente tutti i dati del titolare, sarà obbligatoria e avrà un costo fisso di realizzazione e spedizione.

 

In altri Paesi è già realtà, ma presto lo sarà anche in Italia.

Le attuali carte d ’identità cartacee saranno valide fino alla loro scadenza, mentre chi deve rinnovarla d’ora in poi potrà farlo solo in formato elettronico. Presto, tale servizio sarà attivato presso tutte le amministrazioni comunali italiane e ognuno potrà verificare accedendo al sito del Ministero se il proprio comune ha già attivato il servizio, ma l’importante novità è che tale documento potrà essere rilasciato anche presso gli sportelli degli uffici postali.

Cos’è la Carta d’Identità Elettronica?

Si tratta di un documento di identificazione che consente di comprovare in modo certo l’identità del titolare, sia sul territorio nazionale quanto all’estero.

Il formato è simile a quello di una carta di credito ed è caratterizzata da:

• Un supporto in policarbonato personalizzato con la foto e i dati del cittadino e corredato da elementi di sicurezza (ologrammi, sfondi di sicurezza..) • Un microprocessore a radio frequenza per proteggere i dati anagrafici, le foto e le impronte del titolare dal rischio di contraffazione.

Tale processore serve anche ad acquisire le identità digitali sul Sistema pubblico di Identità digitale (SPID).

Da quando è in vigore?

È già possibile richiederla, ma non tutti i comuni si sono ancora adeguati. Ricordiamo, tutta via, che dal 1 Gennaio 2019 la carta d’identità sarà solo elettronica.

Chi può richiederla?

Tale carta può essere richiesta da: 1. Persone residenti nel comune di richiesta (italiani e stranieri) 2. Coloro che sono iscritti all’AIRE e le persone temporaneamente dimoranti all’estero 3. Persone maggiorenni (validità 10 anni) 4. Soggetti minorenni (validità di 3 anni fino ai 3 anni di età, validità di 5 anni dai 3 ai 18 anni di età) 5. In caso di comprovata urgenza dovuta ad un imminente viaggio

Quanto costa?

Occorre versare presso le casse del comune la somma di 16,79 euro più 5.42 euro per i costi fissi e diritti di segreteria. Bisognerà, inoltre, conservare il numero della ricevuta di pagamento.

Dove richiederla?

La carta d’identita elettronica può essere richiesta presso il proprio comune di residenza o presso il comune di dimora. La novità principale è che potrà essere richiesta anche presso gli sportelli degli uffici postali, proprio per accelerare le procedure di rilascio del documento. I tempi per introdurre questa procedura, tuttavia, dovranno tenere conto di un’apposita convenzione tra Ministero dell’Interno e i soggetti dotati di una rete di sportelli diffusa su tutto il territorio nazionale, che siano Identity Provider. Un saluto da Melania
Photo by Kyle Glenn on Unsplash
Condividi
Condividi